Il nerd (o “l’era del nerd”)

Non ricordo se l’ho già scritto, di certo (ci sono/esistono) pezzi in giro sparsi nella rete che altro non è che il messaggio palesato de “Le storie” di Instagram. Tempo fa volevo fare una delle mie immagini più testo, anche questa espressione di un significato significante intrinseco (non vi è nulla di originale, la banalità reiterante regna su tutto: EVVIVA IL MEME!), far dire ad Andreotti una cosa tipo “La più grande invenzione della storia? Le storie di Instagram!”. Poi, e questa è una delle poche cose che mi piace di me, ho cambiato idea, ho elaborato e quasi arrivo a ritenerle una cosa geniale che ha a che vedere con la genia eletta di un tizio che si chiama alessandro ma tutti lo chiamano ale ma non è mio fratello, purtroppo, col quale mi divertivo tantissimo a fare il gioco di parole mai-ale (visto che non voleva lo chiamassi “ale”, sì, da piccoli 😉); ma non è nemmeno fratello vostro (oh voi poche dolci persone che mi leggete, GRAZIE), non è fratello di nessuno, son persone speciali e noi siamo solo polvere invisibile di quella che si vede a volte grazie alla luce solare e se riesci a riprenderla e fotografarla è un bel video e una bella foto perché di solito è invisibile, appunto.

Insomma, non ricordo, mi spiace, soliti problemi di memoria, sempre con roba di poco conto, eh.
Quindi ne scrivo uno nuovo dal nulla, forse.
L’era digitale, da “dita (sempre di ale) che masturbano piselli ma anche farfalle che si poggiano su piselli baciati dal sole e si vede la polverina di cui si parlava nel paragrafetto fa”.
Ma che succede?
Niente! È tutto un fenomeno naturale. Lo dice il ciclo della vita stessa: l’uomo nasce e deve morire. Per cui, finora abbiam fatto cose ed ora iniziamo a non fare per semplicemente sparire… PUFF! Ecco che si spiega l’inconsistenza della rete (unico mondo possibile), le seghe, il calo inevitabile delle nascite che ne consegue (questo pezzo è per voi che preferite non capirmi e bollarmi come pazza: BASTARDI!), Amazon… ecco che si spiegano “Le storie”. “Le storie” che altro non sono che il calco della vita stessa che si incontra con l’inconsistenza del web della vita stessa e dei miei ricordi e dei vostri. Istanti che scompaiono nell’etere che se ne vanno con noi nella polvere. PUFF, di nuovo!

Per quanto l’uomo abbia fatto, faccia, non può imprimere e mantenere, non può sconfiggere la morte, il deperimento delle cose, “Le storie” di Instagram! EH, un bel sospiro.
“No, ti sbagli Claudia. L’uomo riuscirà a sconfiggere la morte ecc. …”… a parte che discutere con me, con il mio modo di ragionare, è un’assurdità perché è come prendere a calci una porta perché non ci piace il colore (una cosa del genere), ma… amico mio nerd saggio ricolmo di conoscenza a forma di sushi e pesce crudo, io granello posso solo dirti “non sarà l’uomo, ma pezzi di macchine, o macchine stesse che imiteranno l’uomo ma l’uomo non sarà più! 😉”.

Mio caro nerd, tu hai bisogno di stimoli in un mondo che stimoli non ti dà perché satollo di deficienti che guardano il calcio e Sanremo, ma tu no, tu se ti interessi a queste cose è perché è diventato mainstream disinteressarsene: è lo stesso motivo per cui ti interessa così tanto la figa ma da sezionare e farne uno studio approfondito tanto poi se la tipa muore ci scopiamo il corpo e magari lo congeliamo grazie alle nostre conoscenze criogeniche e possiamo tirarlo fuori per giocarci ancora per un po’, ogni tanto… beh, tutto ok. Tutto giusto. Alla fine la vita è proprio una noia barba e magari arriva un serial killer che ci fa fuori e ci dà finalmente il brivido della grande sconosciuta incoscienza inconsistente!
Un tempo le idee erano originali perché diverse una dall’altra ora un’idea è originale se si ripete costantemente nella sua originalità (forse la massima definizione del titolo, quello tra parentesi e virgolettato).
NON MI BASTA UN POST SOLO PORCALAMISERIA!
In ogni caso, si diceva: amico nerd a presto.
E ricordate di fare sempre il backup della vostra vita! 😘

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...